IRRIGAZIONE CORRETTA

Come bagnare correttamente le nostre piante

Alcune semplici regole da seguire

Il consiglio migliore che possiamo darvi è, in primis, quello di progettare, in sinergia con il verde, un impianto di irrigazione, in modo da consentire a prato e piante di ricevere un'irrigazione corretta e costante durante tutto il corso dell'anno, differente a seconda delle necessità di ogni stagione. Questo garantirà alle vostre essenze una corretta irrigazione e a voi di godere del vostro verde senza stress, anche nei periodi più torridi. 

Piante in terra piena

Le piante messe a dimora in terra piena non richiedono un'irrigazione individuale e costante, soprattutto nei periodi più freddi e umidi dell'anno (autunno-inverno).

Il periodo durante al quale fare più attenzione saranno i primi mesi successivi alla messa a dimora della pianta, che richiederanno un controllo del terreno regolare, in particolare nei mesi più caldi e afosi (luglio-settembre). 

Dopo il primo anno di messa dimora la pianta inizierà ad adattarsi all'ambiente in cui è stata inserita e sarà anche riuscita ad adeguare le sue necessità alle possibilità del clima in cui è stata posizionata, se rispecchia le sue esigenze sin da subito. 

Piante in vaso da esterno - Outdoor & Indoor

Diverso discorso si deve fare per le piante che vivranno in vaso; perché tutte le piante possono vivere in vaso, purché le garantiamo un contenitore proporzionato alla parte aerea (chioma) e una concimazione regolare che rinnovi nutrimenti nel terreno.

Verificato il giusto contenitore per la vostra essenza basterà chiedere al terreno, ecco come sapere quando e quanto bagnare le piante. Ogni spazio verde ha un'esposizione differente e subisce agenti atmosferici diversi, anche all'interno dello stesso. Per questo motivo i seguenti passaggi faranno in modo che siano le vostre essenze a dirvi se hanno sete o meno.

Toccare il terreno e se:

  • TERRENO ASCIUTTO (strato superficiale) = bagnare 
  • TERRENO UMIDO (strato superficiale inumidito) = NON bagnare

Le piante da interno e da esterno hanno però esigenze molto diverse.

PIANTE DA ESTERNO

  • Toccare lo strato superficiale del terreno
  • Irrigazione regolare
  • Autunno/Inverno: 1 volta settimana (circa)
  • Primavera: 1 volta ogni 2-3 giorni (circa)
  • Estate: 1 volta giorno (circa)
  • ATTENZIONE durante i periodi caldi dell'anno, le piante da esterno soffrono la siccità, l'ingiallimento delle foglie vi avviserà dello stress subito dalla pianta a causa della carenza d'acqua.
  • RIMEDIO: verificare che la pianta sia viva, potrete scoprirlo grattando un ramo alla base, se sotto alla corteccia vedrete color marrone la pianta è morta, nel caso in cui fosse verde la pianta sarà viva; quindi pulitela dai rami o foglie secchi, fate molta attenzione a bagnare correttamente la pianta nei periodi successivi, in aggiunta potreste concimarla.

PIANTE DA INTERNO

  • Toccare primi 2-3 cm del terreno
  • Irrigazione scarsa
  • Autunno/Inverno: 1-2 volta mese (circa)
  • Primavera: 1-2 volta ogni 10 giorni (circa)
  • Estate: 1-2 volta settimana (circa)
  • ATTENZIONE le piante da interno non amano bere troppo; quando vedrete la punta delle foglie diventare color marrone scuro vorrà dire che avete esagerato con l'acqua
  • RIMEDIO: se avete notato questo problema all'inizio (solo bordo foglia scuro) basterà ridurre la quantità d'acqua e, nei periodi caldi, possiamo posizionarla in esterno per aiutare la zolla ad asciugare più rapidamente. Se le foglie sono ormai tutte scure sarà necessario sostituire, per quanto possibile, il terreno umido della zolla con altra terra asciutta; rinvasando la pianta.

Irrigazione Orchidee & simili

Le orchidee di ogni genere e varietà hanno esigenze particolari per l'irrigazione, non sono piante difficili da curare o da veder rifiorire, sono invece piante che richiedono grandi attenzioni e una cura rigorosa e appassionata. 

Passiamo quindi ad alcuni consigli da seguire per irrigare correttamente le orchidee

  • Controllare che le radici siano color grigio chiaro (in caso siano verdi, anche quelle inferiori, non ha sete)
  • Immergere il vaso (con buchi) in un lavandino, per esempio, pieno d'acqua per 15 minuti circa
  • Togliere dall'acqua e lasciare sgocciolare bene prima di rimettere la pianta nel coprivaso (NO buchi)

N.B. anche le radici di queste piante richiedono luce indiretta; in occasione dell'irrigazione, nel caso in cui la riponiate poi all'interno di un coprivaso non trasparente, lasciatele qualche ora alla luce. 

NON RIFIORISCONO! PERCHE'?!

  • Fine fioritura: tagliate i gambi all'altezza del primo/secondo nodo che si trova sotto ai fiori 
  • Esposizione: provate a spostare la vostra pianta in zone differenti di casa, cercando di esporla a  luce indiretta (es:davanti a una finestra)
  • Concimazione: se convivete con la vostra pianta da tempo magari il terreno un cui vive ha perso nutrimento; recatevi in un negozio specializzato per richiedere il corretto concime, oppure scopri il nostro servizio di Fitofarmacia